Avventure in ostello

I 10 tipi di studenti che si vedono in ostello – parte prima


Un’ostello è un po’ come un porto di mare. Si vede gente di tutte le età e nazioni, tutti con ragioni diverse che li spingono a visitare le varie città. Tra essi però si posso distinguere varie categorie, e oggi vi parlo di una delle più numerose e variegate: quella degli studenti. Dato però che si tratta di una lunga lista, per il momento vi intrattengo solo con i primi cinque punti dei dieci previsti.
Get ready!

1-Quelli che vengono per un esame d’ammissione
Se sono italiani sono facilmente riconoscibili: hanno solo una piccola borsa, si fermano un’unica notte e sono agitati abbastanza da trasmettere tale emozione a tutti i loro compagni di stanza. Se sono stranieri, la quantità di bagagli e di notti passate in ostello è proporzionale alla distanza percorsa per arrivare a Torino. Sono anche più difficili da individuare, ma la tensione potrà essere d’aiuto in tal caso.
Avvertenze: dopo avergli fatto gli auguri per l’esame, vanno lasciati in pace. Tanto basterà vedere con che faccia tornano il giorno dopo a recuperare la borsa per sapere com’è andata.

2-Quelli che studiano musica
Se studiano musica, in genere vengono in ostello prima di sostenere l’esame d’ingresso al Conservatorio o in altre scuole. Sono una categoria a parte rispetto agli altri studenti da esame perchè a) arrivano con uno strumento più o meno riconoscibile; b) stanno chiusi tutto il tempo in camera, allenandosi e allietando i vicini con brani spettacolari.
Avvertenze: ”purtroppo” hanno bisogno di tranquillità e concentrazione, quindi difficilmente perderanno tempo suonando su richiesta ed evitano le sale comuni. Quindi chi è in reception difficilmente ha il piacere di sentirli.

3-Quelli che cercano un appartamento
Stranieri o italiani, se hanno già la certezza di essere ammessi all’università dei loro sogni arriveranno con valigie grandi abbastanza da contenere una persona adulta all’interno. Si fermano per cinque/sette giorni, almeno all’inizio. Nel caso trovino subito una casa se ne vanno con saluti e ringraziamenti; quando invece le cose sembrano andare per le lunghe, allora continueranno ad allungare la prenotazione, un giorno dopo l’altro. Diventano parte della famiglia, raccontano come vanno le lezioni e le ricerche e al momento di andarsene è probabile che scappi qualche lacrima.
Avvertenze: non tutti quelli che promettono di ripassare a salutare lo faranno. I migliori sì, e a volte torneranno per usare un po’ il wifi o per mangiare insieme.

4-Quelli che vengono per un Master
Sono sempre molto eleganti, vengono con una certa frequenza (una volta a settimana oppure ogni due), si fermano per due o tre giorni e sono sempre fuori dall’ostello. Studiano moltissimo, e quando si ha occasione di parlare con loro sottolineranno più volte la loro stanchezza e gli sforzi necessari per ottenere finalmente il tanto agognato master.
Avvertenze: la maggior parte di loro sono già impegnati in una relazione seria. Se così non fosse, meglio cercare di non farseli scappare, dato che sono probabilmente i partner perfetti: intelligenti, lavorano duramente, in genere cucinano bene e sanno mantenere delle ottime conversazioni.

5-Quelli che vengono in vacanza
Sono più difficili da individuare, dato che, a meno che non si inizi una conversazione attorno all’occupazione principale di tale persona è difficile capire se si tratti di uno studente o meno. Una volta appurato che sì, studiano, nel giro di un’oretta di conversazione si saprà tutto quello che serve sulla facoltà in questione. Sono ottimi consiglieri e sono neutrali abbastanza da sottolineare anche gli aspetti negativi delle materie che studiano (che, però, resteranno sempre e comunque le migliori del mondo).
Avvertenze: parlano molto. Moltissimo. Però in genere quando sono appassionati a quello che fanno sono carini, quindi ascoltarli e guardarli non è tanto noioso come può sembrare.

Per il momento mi fermo qui. Ci sono ancora molte cose di cui parlare, ma per ora è tutto. Stay tuned per la seconda parte!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...