Senza categoria

Rocker or Writer, ovvero come convincere parenti scettici a sostenere carriere improbabili

Dopo tante discussioni avute con mia nonna riguardo al mio futuro, nel lontano maggio del 2014 scrissi questo testo. Lei insisteva che, data la mole di libri che leggo abitualmente, fare la scrittrice sarebbe stato un passo naturale. Per me invece non era così facile: leggere si fa senza sforzi, per scrivere invece servono idee, talento e la capacità di attirare l’attenzione del lettore dalle prime parole. Inoltre a quei tempi volevo imparare a suonare il basso, quindi cercai di convincerla che la mia idea fosse la migliore attraverso questa lista. Non credo di essere riuscita nel mio intento, ma mi divertii moltissimo a scrivere questo decalogo, quindi il risultato fu comunque molto positivo. Sono passati quasi cinque anni e non solo non ho mai preso in mano un basso, ma sono ancora convinta che questa sia probabilmente la cosa migliore che io abbia mai scritto; perciò ho deciso di pubblicarlo qui proprio oggi, nel giorno che sarebbe stato il suo 87 compleanno. Spero ti faccia piacere nonna. Tu e il nonno ci mancate moltissimo e vi vogliamo un mondo di bene.

Dedicato alla mia cara nonnina, che al mio annuncio di voler imparare a suonare il basso ha ripetuto quanto i miei temi fossero belli e quanto desideri una nipote scrittrice (invece di una rockstar, ma questo l’ho letto io tra le righe). TVB nonna, anche se hai le idee un po’ confuse, non conosci Janis Joplin e non hai piantine che mi possano aiutare nella mia futura carriera (vedi punto 3). 

Rocker or Writer?

Ovvero le dieci scuse per aiutarvi a convincere i parenti che imparare a suonare il basso (con la seguente creazione di una rock band di incredibile esito) sia un punto fondamentale nella carriera di qualunque scrittore di successo.

1. Diventare una rockstar serve a descrivere meglio il loro (e ora vostro) mondo, con ricchezza di particolari che vi porteranno in cima a tutte le classifiche, sia letterarie sia musicali. Dopotutto, la gente sembra adorare lo scintillante e decadente mondo del rock ‘n’ roll. E dato che voi siete delle persone scrupolose, lo state facendo solo per amore per la ricerca accurata che è la base di qualunque libro degno di vincere almeno una ventina di premi diversi.

2. Allargherete i vostri orizzonti (geografici, ma soprattutto sessuali):  conoscerete gente di tutto il mondo e vi potrete facilmente documentare su usi e costumi della Patagonia occidentale senza per forza visitarla, basandovi sulle testimonianze delle/dei  vostri più accaniti sostenitrici/sostenitori. Piccolo consiglio: se vostra nonna è particolarmente sensibile, evitate di spiegare quali costumi avete scoperto grazie allo zelo dei vostri nuovi amici. Oppure…

2 bis)  Potrete viaggiare gratis, o comunque senza pagare di tasca vostra, per tutto il mondo: se avete un buon manager, e riuscite a convincerlo che tutto questo vi serve per L’Ispirazione, siete a cavallo.Se non ci riuscite, potete sempre comprarlo, il cavallo. In tal caso, cambiate ‘Il pianeta delle scimmie’ nel ‘Pianeta degli equini’ e farete milioni.Abbiate solo la cura di farne ricavare una o più trasposizioni cinematografiche e di occuparvi personalmente delle colonne sonore.

3. La vostra vera intenzione è di vivere più esperienze possibili, per evitare pregiudizi di qualunque tipo e trovare così L’Idea per il romanzo che rivoluzionerà il mondo. Molto hippy, come scusa, ma se i vostri parenti sono fans di Janis Joplin e Jimi Hendrix vi sosterranno con tutto il loro appoggio. E magari con quelle piantine che tengono in fondo al giardino, lontano da occhi indiscreti… Solo per aiutarvi a trovare L’Idea, sia chiaro.

4. Per evitare di stroncare la vostra futura carriera come scrittore vincitore di un paio di Nobel e, in seguito, cattedratico in una qualche università in grado di ripagare degnamente i vostri autorevoli sforzi come insegnante, dovete fare tutti gli errori subito. A questo punto, dopo aver sbagliato il più possibile, sarete pronti per una carriera a Oxford, con giusto un paio di errori di gioventù, di cui potrete accusare o l’improvviso successo o il vostro ex-manager, se non vi sta simpatico.

5. Conoscerete tutto il mondo che conta: modelle, attori e politici vi stringeranno la mano e vi racconteranno tutti i loro segreti (soprattutto dopo essersi ubriacati alle vostre splendide feste) che potrete rivelare in un best-seller scandalistico dal quale ricaveranno una serie televisiva. Attenti solo alle possibili vendette: non si è ancora capito il perché, ma i personaggi famosi odiano gli aneddoti raccontati da vecchie tate, o, nel vostro caso, da ex-amici, ma non hanno problemi a creare drammi e controversie giornalmente su Internet. Ah, la fama!

6. La vostra è una fase di ribellione giovanile, dalla quale trarrete spunto per seriosi e convincenti romanzi sulla decadenza della gioventù e su come gli errori ci possano segnare negativamente. Niente di preoccupante, cari nonni e zii. Oppure… 

6 bis)  Siete rockstar per ribellarvi a una società bigotta che non vi lascia esprimere nel pieno delle vostre potenzialità, tema che tratterete a fondo in un’autobiografia epica, ricca di fotografie e dettagli piccanti e/o malvagi verso colleghi, nemici e il resto del mondo. Tutto sommato, la figura del rocker scazzato che odia tutto e tutti spacca ancora.

7. Ammettetelo: in realtà siete delle persone dal cuore grande, che fanno le star solo per diventare ricchi e poter così pubblicare libri dando tutto il ricavato (o metà, se al momento non vi sentite generosi) in beneficenza, creandovi la fama di benefattori e detraendo i soldi dalle tasse. 

A questo punto, dovreste avere il pieno appoggio di tutti coloro che vi stanno ascoltando. Se così non fosse, provateci ancora con le prossime scuse. 

8. Diventare una rockstar è un modo veloce di andare via di casa e iniziare a guadagnare per conto proprio: se lo state facendo, è solo per non pesare economicamente sui vostri genitori, dato che per terminare l’opera che vi aprirà le porte dell’Olimpo degli scrittori avete ancora bisogno di qualche anno. 

9. Voi adorate le persone, non è così? Non state forse cercando un lavoro che vi permetta di incontrare uomini e donne di tutte le età, religioni, colori, orientamenti sessuali e nazioni diverse solo per poter raccontare ai vostri fedeli  lettori le loro magnifiche e incredibili storie? 

10. [Piccola ma doverosa premessa: questo punto è, a mio parere, il più sincero e meglio articolato di questa lista. Vorrei inoltre sottolineare che non è una mia frase, ma una citazione del grande Angelo Massimino, stimato presidente del Catania negli anni 1969-1971, 1974-1987 e 1992-1996, nonché autore di altre perle di inestimabile saggezza.] C’è chi può e chi non può. Io può.

Un pensiero riguardo “Rocker or Writer, ovvero come convincere parenti scettici a sostenere carriere improbabili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...