Consigli di lettura · Libri

Ti consiglio il libro perfetto – capitolo 2

Oggi vi allieterò la giornata con altri consigli letterari, perchè leggere fa bene alla salute. Se poi questo significa che posso spingere altre persone a leggere i miei libri preferiti, tanto meglio!

Nel capitolo precedente vi ho consigliato una grande varietà di generi diversi e anche questa volta spazierò dal femminismo ai libri per bambini, facendo un breve salto su Marte e uno a Tokyo, per poi tornare a Torino e indietro nel passato.

Preparate i vostri asciugamani (dalla Guida Galattica per Autostoppisti: L’asciugamano è forse l’oggetto più utile che un autostoppista galattico possa avere. In parte perché è una cosa pratica: ve lo potete avvolgere intorno perché vi tenga caldo quando vi apprestate ad attraversare i freddi satelliti di Jaglan Beta […]; potete usarlo come vela di una mini–zattera allorché vi accingete a seguire il lento corso del pigro fiume Falena […]; infine potete usare il vostro asciugamano per fare segnalazioni in caso di emergenza e, se è ancora abbastanza pulito, per asciugarvi, naturalmente), avvisate i parenti e via verso nuove lande tutte da scoprire.

  • Per chi vuole conoscere meglio il movimento femminista attuale: Femminismo per il 99% – Un manifesto, di Bhattacharya, Fraser, Arruzza. Il femminismo non è un movimento unico, ma ha tante correnti diverse e opposte al suo interno. Quello che funziona meglio per tutte/tutti è il femminismo per la maggioranza, quello che non si limita alle donne in carriera, ma che aiuta le madri single, le lavoratrici sessuali, le donne povere che faticano a tirare avanti, le studentesse, le vittime di violenza sessuale o psicologica e tutte le altre. Attraverso una serie di brevi trattati, le tre autrici presentano un femminismo anti-razzista, anti-imperialista, anti-eterosessista e anti-neoliberista. Va letto assolutamente, qui non vi lascio scelta. Sorry not sorry at all.
  • Per chi vuole una saga fantasy lunga e fiabesca: Il Signore degli Anelli, J. R. R. Tolkien. C’è un solo modo per salvare la Terra di Mezzo dalla distruzione completa per mano di Sauron: distruggere l’Unico Anello recuperato da Bilbo ne Lo Hobbit, prequel della trilogia. Impresa ai limiti del possibile, data la guerra tra le forze del bene e del male che si avvicina ogni giorno di più. Così un piccolo gruppo di coraggiosi parte per la missione che potrebbe salvare o condannare il mondo intero, destreggiandosi tra battaglie, magia, creature mostruose, la guerra, tentazioni e le proprie emozioni, nemico pericoloso quanto gli eserciti di orchi agli ordini dell’Oscuro Signore. L’atmosfera e le vicissitudini dei personaggi sono entusiasmanti e avvincenti come poche e lo stile scorrevolissimo rendono la lettura un vero piacere, adatta a grandi e piccini (non troppo però, altrimenti me li terrorizzate. Diciamo a partire dai 14).
  • Per chi vuole tornare bambino e sentirsi invincibile: Pippi Calzelunghe di Astrid Lindgren. Leggetelo. Fine. Scherzi a parte, il libro parla di una serie di avventure vissute dalla fortissima, ricchissima e indipendente Pippi, figlia di un angelo e di un re pirata, e dei suoi due amici, Tommy e Annika e agli animali domestici, il cavallo Zietto e la scimmia Signor Nilsson. Per loro non c’è differenza tra il giardino di Villa Villacolle, il cortile della scuola, il laghetto vicino a casa o i lontani Mari del Sud, quello che conta è divertirsi tutti insieme, certi che il giorno dopo ci saranno altre cose da fare e luoghi da scoprire. E’ un libro divertente, leggero e magnifico, che tutti dovrebbero leggere almeno una volta, che sia da bambini per imparare cosa vuol dire scoprire il mondo insieme ai propri amici, o da adulti, per ricordarsi cosa significa essere piccoli e vivere tutto ciò che la vita ci mette sulla strada con un sorriso sulle labbra (e un cavallo in veranda).
  • Per chi vuole speculare sulla natura del male: Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde. Il male ha molte facce, alcune più cattive di altre. In questo caso, a portare i segni della malvagità è solo il ritratto del protagonista, mentre lui resta bello e giovane. Da questa premessa relativamente semplice, Oscar Wilde scrisse un capolavoro della letteratura, libro assolutamente necessario e bellissimo, riflesso di un’anima tormentata e, con un’ironia crudele e tremenda, arma usata contro di lui nel processo che lo vide accusato e incarcerato per essere omosessuale. Va letto, senza se e senza ma. Altrimenti mi arrabbio e non vi parlo più.
  • Per chi ha bisogno di leggerezza: Piccoli suicidi tra amici, Arto Paasilinna. Sebbene il titolo possa suggerire il contrario, è con leggerezza, delicatezza e umorismo che il romanzo di Paasilinna racconta le avventure di un gruppi di aspiranti suicidi in giro per l’Europa, nel tentativo di trovare la rupe perfetta da cui gettarsi. Ma le cose non vanno mai come vorremmo, purtroppo o per fortuna, e il finale è diverso da tutto ciò che ci si possa immaginare mentre lo si legge. Vi prometto che vale tutto il tempo che passerete a leggerlo, ogni singolo minuto. Trovate una recensione più completa qui!
  • Per chi ama lo spazio: The Martian di Andy Weir. Un astronauta, in missione su Marte con i suoi compagni, viene colpito e dato per morto durante una tempesta. Abbandonato su un pianeta inadatto a sostenere la vita, Mark Watney dovrà trovare un modo per sopravvivere e per comunicare al resto del mondo che no, non è morto, ma lo sarà presto se non trova una soluzione… Scritto con uno stile chiaro e diretto, The Martian, conosciuto anche come L’uomo di Marte o Il sopravvissuto, è una storia di lotta, di umanità e di passione per la vita, la scienza e tutto il genere umano attraverso gli sforzi di uno solo di noi. Si divora in una notte (o almeno così è successo a me) ma rimarrà con voi per una vita. Trovate una recensione più completa qui!
  • Per chi ha stomaco e non ha paura di usarlo (?): Le quattro casalinghe di Tokyo, Kirino Natsuo. Un gruppo di donne normali si ritrovano in una situazione completamente inusuale: una di loro ha ucciso il marito per autodifesa e ora devono disfarsi del cadavere. Da quel momento le cose si fanno sempre più complicate, in un’escalation di violenza e terrore che culmina con un finale duro, difficile da digerire e allo stesso tempo perfetto. Da evitare se siete facilmente impressionabili, ma se così non fosse, questo romanzo ha le carte in tavola per diventare il vostro preferito.
  • Per chi ama Doctor Who, Star Trek, Men in Black, Hot Fuzz e tutto il genere: Guida Galattica per Autostoppisti, Douglas Adams. Cosa succede se unisci un terrestre che ha appena perso il suo pianeta, un redattore per la Guida Galattica alieno, un robot depresso, il Presidente fantoccio del Governo Galattico, la sua aiutante con un’astronave che viaggia a “propulsione di improbabilità infinita” e balzi avanti e indietro nel tempo e nello spazio? Succede che si ride, per ore e ore. E ci si chiede se, alla fine, gli animali più intelligenti sono i delfini o i topi.
  • Per chi vuole scoprire il lato ‘giallo’ di Torino: Vani Sarca (tutta la serie!!) di Alice Basso. Silvana ‘Vani’ Sarca ha un talento molto particolare: riesce a immedesimarsi e a capire profondamente le persone. Usa inizialmente questa capacità per lavorare come ghostwriter per una casa editrice torinese, ma quando si trova coinvolta suo malgrado in un rapimento, dovrà collaborare con la polizia per risolvere il caso. Inizierà così la sua nuova doppia vita: scrittrice segreta e ”poliziotta” a tempo più o meno perso, accompagnata da una serie di personaggi altrettanto affascinanti, come il commissario Berganza, lo scrittore Riccardo, il suo capo, Enrico, la giovane vicina di casa, Morgana e tanti altri. Scritto con uno stile schietto, divertente e affilato come pochi, la serie vi porterà in giro per Torino e dintorni, sulle orme di criminali e aspiranti scrittori. Fatevi un favore e leggetela. Trovate una recensione più competa della serie qui!
  • Per chi cerca una fiaba fantastica e poetica: Il sesso delle ciliegie, Jeanette Winterson. Persa tra presente, passato e immaginazione, la trama segue Giordan, giovane cresciuto da una particolarissima madre adottiva, mentre cerca di capire il mondo, tra viaggi in mare, un futuro troppo vicino, la fiaba delle Dodici Principesse Ballerine (con un finale molto diverso da quello tradizionale), città volanti, la Londra del XVII secolo e tanto altro. Si finisce molto velocemente, incantati dall’atmosfera magica della storia e dallo stile quasi poetico, quindi mollate tutto ciò che state facendo e leggetelo.

Buona lettura a tutti! Di nuovo, fatemi sapere le vostre opinioni, sono sempre aperta al dialogo (tranne su Pippi e Vani. Loro non si toccano.). E se volete ricambiare il gesto siete i benvenuti!

4 pensieri riguardo “Ti consiglio il libro perfetto – capitolo 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...