Libri

Work in progress: recensire libri

Va bene, lo ammetto: sono una persona estremamente talentuosa. E a volte (sempre) anche un genio. Fidatevi di me, so di cosa parlo.

Scherzi e autostima momentaneamente alle stelle a parte, mi vanto spesso e volentieri della quantità e la qualità dei libri che leggo. C’è poco da fare, la lettura è il mio passatempo preferito. Di conseguenza approfitto di ogni spunto e occasione per iniziare a parlare di romanzi, autori, storie e personaggi con chiunque abbia la malaugurata idea di darmi corda, laddove “corda” spesso significa un’occhiata ai libri presenti nella stanza o altre minuzie del genere.

C’è però un ma, in questo idilliaco panorama: non so scrivere recensioni.

Chiariamo un paio di cose, prima di affrontare la questione principale: al liceo ho fatto le mie belle schede libro per antologia e letteratura e se proprio fossi costretta credo riuscirei, con grande sforzo, a produrre qualcosa di decente ancora oggi.

Il problema sorge quando voglio parlare di un libro nero su bianco, ad esempio qui sul blog, per piacere mio e non per obbligo; da quando ho creato Alix Attraverso Lo Specchio , un paio di mesi fa, ho letto molti libri che avrei voluto recensire, ma non l’ho mai fatto, perchè non ho idea di come farlo.

Se dovessi parlarne a voce non ci sarebbe nessuna difficoltà, dato che non mi verrebbe richiesta nessuna struttura logica troppo pressante al momento di discutere i lati positivi e negativi di un romanzo. Anche la mia piccola rubrica dei consigli di lettura è molto diversa da una vera e propria recensione: si tratta infatti di spendere un paio di frasi sul motivo per cui tale libro o serie mi è piaciuta e sul perchè vada letta da altri, e fin lì non ho troppi problemi.

Le difficoltà sorgono quindi nel momento in cui voglio provare a descrivere un libro non a voce e per due ottime ragioni: 1) ho paura di scrivere spoiler grossi come case; 2) non riesco a trovare un formato originale per parlare di un romanzo. Anche perchè allungare i miei consigli fino a farli diventare recensioni vere e proprie non mi piace come idea, so che finirei con ripetere sempre lo stesso con parole diverse, come si fa con i compiti di comprensione del testo durante l’ora di Italiano. Così, nel terrore di copiare le idee di qualcun altro, mi limito ad aprire una nuova bozza, scrivere titolo e autore, fissarla per una decina di minuti e poi abbandonare l’impresa molto velocemente.

E’ il metodo migliore per non ottenere nulla, fidatevi di un’esperta nel campo, eppure non riesco a fare altrimenti.

Ho deciso quindi, nell’attesa di avere un’illuminazione vera e propria, di sfogarmi invece di continuare a provarci, perchè così faccio meno fatica e io sono un genio piuttosto pigro.

Prima o poi verrò fulminata dall’Idea e allora potrò leggere e poi recensire tutti i libri che voglio e allora il mondo sarà perfetto e in tale equilibrio da far invidia a Thanos, ma per adesso vi parlerò di altre cosine belline, come viaggi e musica e traumi causati dai libri.

Tanto, prima o poi, riuscirò a svelare i segreti della Perfetta Recensione, basta avere pazienza.

2 pensieri riguardo “Work in progress: recensire libri

  1. Personalmente sui blog cerco più le opinioni che la coerenza con un formato di recensione specifica. Se riesci a mettere insieme una serie di commenti chiari e interessanti su un libro, secondo me il gioco è fatto. Comunque va bene anche se posti altri contenuti o altri formati di post 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...