Senza categoria

Growing up Pan – Di cotte, abbracci e timidezza | #PrideMonth

Ripensandoci adesso, dall’alto dei miei 21 anni e ben 157 cm, le ragazze sono state per me un mistero dei più attraenti e intriganti da che ho memoria.

Per anni ho sempre dato per scontato di essere attratta solo dai maschi, dato che non avevo nessun esempio di relazioni non eterosessuali attorno a me ne’ sapevo che due ragazze potessero amarsi così come si amano un uomo e una donna o due uomini. Ci ho messo un bel po’ di tempo a capire quella parte così fondamentale di me, ma una volta che la realizzazione è finalmente avvenuta, sono riuscita a comprendere tantissime cose di me stessa, dettagli, scelte ed emozioni che prima erano spontanee ma non chiare fino in fondo.

Quando, intorno ai 17 anni, capii che mi piacevano maschi e femmine indistintamente e iniziai il mio percorso per conoscere a fondo la mia sessualità, cominciai a vedere certi momenti della mia infanzia sotto una luce molto diversa.

Ora, per esempio, so che Alba, la figlia della fioraia di Garessio, piccola cittadina dove andavamo in vacanza d’estate, una bellissima ragazza bruna di qualche anno più grande di me, non era solo una persona che ammiravo per la sua intraprendenza e il modo di fare, sempre sicura e divertente, ma perché avevo una cotta enorme per lei.

Per anni rimasi convinta di aver avuto solo cotte più o meno passeggere per alcuni amici maschi, senza che il pensiero di essere attratta anche dalle ragazze mi sfiorasse. Eppure succedeva comunque, ma il mio subconscio, o il cervello, o qualunque altro organo si occupi di queste cose, lo traduceva in ammirazione e orgoglio per essere loro amica.

Le cose sono diverse, adesso, ma non troppo: continuo a innamorarmi ad ogni abbraccio o quasi; quando una ragazza mi dice qualcosa di carino il mio cervello va in tilt e inizia a organizzare il nostro matrimonio come se niente fosse, e ad ogni sorriso corrisponde un battito accelerato del mio cuore. In ostello questo può diventare un problema serio, molto più di quanto pensassi all’inizio. Immaginatevi la scena: io sono in reception, a leggere o lavorare, dipende molto dai giorni; all’improvviso suona il campanello e qualche minuto dopo arriva una nuova ospite. Lei è gentile e sorridente, mi ascolta e ringrazia e io divento la personificazione della timidezza, impacciata come poche altre volte nella mia vita, incapace o quasi di mettere una parola dietro l’altra per continuare con il check in.

Un disastro, fidatevi.

Forse, se fossi cresciuta sapendo che l’amore non ha bisogno di limiti, se la società permettesse ai bambini di vedere personaggi di cartoni animati, film o libri diversi dai soliti stereotipi di relazioni eterosessuali, spesso tossiche, se fosse possibile vedere e sapere che amare gente dello stesso genere è naturale e giusto fin da piccoli, forse in quel caso sarei cresciuta sapendo come comportarmi sia con i maschi sia con le femmine.

Non è successo, ovviamente, e io ora riesco a parlare tranquillamente, a volte addirittura a flirtare con i ragazzi, ma non riesco a mantenere lo sguardo di una bella ragazza per più di mezzo secondo, resa timida e impacciata da sensazioni ed emozioni perfettamente normali, familiari eppure allo stesso tempo sconosciute e ancora nuove.

Che gran casino.

2 pensieri riguardo “Growing up Pan – Di cotte, abbracci e timidezza | #PrideMonth

  1. Bravissima.
    Già parlando così serenamente di questi argomenti, fai un grande passo avanti.
    Purtroppo la società, in questo momento, sta peggiorando quanto a logiche di inclusione. Se possibile stiamo demolendo quanto di buono si era fatto negli scorsi anni per propugnare l’uguaglianza degli esseri umani nella società. Adesso tutti si sentono in diritto di offendere, attaccare fisicamente e verbalmente e criticare ciò che non comprendono.

    Piace a 1 persona

    1. Grazie mille! Hai proprio ragione, ultimamente stiamo passando attraverso una fase molto delicata per quanto riguarda l’uguaglianza di diritti e di inclusione e sono convinta che parlarne e mostrare le proprie storie e lotte possa solo aiutare.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...