Bookmas 2019 · Libri · Monthly Wrap-Up

Di gatti antropomorfi ed Enciclopedisti – Libri di Novembre 2019 | Bookmas 2019 Day 3

Questo mese ho letto poco.

A ottobre ho finito ben 9 libri, questa volta invece ne ho finiti solo 3. Insomma, è stato, almeno per ora, il mese più povero da questo punto di vista. Ho anche letto circa un centinaio di pagine de L’idiote, sempre in inglese, ma sono ancora ben lontana dal finirlo, e ho iniziato La vera storia del pirata Long John Silver di Björn Larsson, che aspettavo da tempo.

Libro numero uno: Il Maestro e Margherita, di Michail Bulgakov. Ne ho già parlato brevemente nel mio Unbirthday Book Tag, ma lo ribadisco qui: si tratta di un romanzo estremamente interessante e assurdo ma non per tutti. La storia inizia con l’arrivo del misterioso Woland, alter ego di Satana, nella capitale russa; dopo aver parlato con un poeta e il direttore di un giornale, prevedendo la morte di quest’ultimo nei dettagli, in breve tempo l’intera città viene colpita e sconvolta da fatti strani e misteriosi: la gente scompare o impazzisce di colpo, c’è chi parla di un gatto enorme e con comportamenti quasi umani, interi uffici che cantano senza potersi fermare e molto altro. L’intera città è nel caos a causa del Diavolo e dei suoi aiutanti, ma a questa storia se ne intrecciano altre, ovvero quella di Ponzio Pilato e quella dei due amanti che danno il titolo al libro, ovvero l’uomo che viene chiamato il Maestro e la bella (e sposata) Margherita. Se avete una buona memoria per i nomi e le vite dei personaggi secondari, buttatevi pure; altrimenti la quantità di cose che succedono rischiano di confondere il lettore.

Libro numero due: Fondazione, di Isaac Asimov. Nei due anni scorsi ho letto i prequel del ciclo forse più famoso di Asimov e ora, dopo averlo rimandato senza motivo per un sacco di tempo, ho finalmente iniziato la trilogia iniziale! Fondazione è diviso in cinque parti ambientate in cinque momenti diverso della storia di Terminus in un arco di 200 anni, descrivendo attraverso il personaggio più importante del momento la situazione sul pianeta in seguito al crollo dell’Impero. Attraverso le varie Crisi Seldon, previste dallo scienziato e psicostorico secoli prima, gli Enciclopedisti devono trovare una soluzione per non soccombere alle mire espansionistiche dei pianeti limitrofi, utilizzando la più grande arma a loro disposizione, ovvero la conoscenza scientifica che studiano e preservano da decenni. Seguiamo lo sviluppo di un intero mondo per due secoli, dagli inizi più positivi e in un certo senso ingenui fino a enormi cambiamenti politici e sociali che portano il piccolo mondo ai confini dei territori Imperiali ad essere una potenza non trascurabile, il tutto ottenuto senza guerre e massacri. E’ un libro fantastico proprio perché presenta un punto di vista completamente nuovo (e piuttosto utopistico, ad essere sinceri) a crisi politiche ed economiche, il tutto senza per questo essere noioso o banale. I protagonisti sono uomini molto intelligenti e lungimiranti, mercanti e politici che viaggiano per le galassie e i vari pianeti contrattando trattati di pace e vendendo macchine atomiche, avventurieri che cercano la sopravvivenza per il pianeta di Terminus accettando missioni di spionaggio e politiche pericolose sia in patria che in piccoli mondi sperduti.

Libro numero tre: Tikkun, o la vendetta di Mende Speismann attraverso la sorella Fanny, Yaniv Iczkovitz. Mende, donna ebrea della cittadina di Motal, è stata abbandonata dal marito e costretta di conseguenza a vivere con i suoceri e i due figli in estrema povertà. Il giorno del suo compleanno, dopo aver speso praticamente tutti i suoi risparmi in un raptus quasi folle, la donna si butta nel fiume vicino al paese dove vive. Viene salvata dal barcaiolo Zizek e riportata a casa, dove inizia una lunga convalescenza. A quel punto la sorella Fanny, donna forte e abilissima nella macellazione rituale ebraica, sentendosi in colpa per avere una famiglia unita mentre la sorella fatica ad andare avanti, decide di scappare di casa per inseguire il genero e costringerlo a firmare il divorzio. Inizia così un’avventura rocambolesca attraverso la Polonia e la Russia della fine del XIX secolo: accompagnata da Zizek e altri compagni di sventura, Fanny rischia tutto per aiutare la sorella, scontrandosi con la polizia segreta e scoprendo il passato militare del suo accompagnatore in una storia appassionante che ritrae una società antisemita e violenta ma che inizia a farsi delle domande sulla giustizia e l’uguaglianza; domande che sorgono, (SPOILERS) tra tutti i personaggi possibili, al capo della polizia segreta polacca, colui che dovrebbe essere l’antagonista ma che si trasforma in qualcun altro, in un uomo nuovo e con molti, moltissimi dubbi. (FINE SPOLER)

Nota a parte: Il Maestro e Margherita è stato il centesimo libro letto quest’anno!!!!!! Sono riuscita a completare il mio goal di lettura sei settimane prima della fine del 2019 e ne sono molto fiera. Next year, 120 libri! Voglio provare a leggere in media 10 libri al mese, vedremo come andranno le cose.

4 pensieri riguardo “Di gatti antropomorfi ed Enciclopedisti – Libri di Novembre 2019 | Bookmas 2019 Day 3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...