Music Monday · Musica

Qveen Herby – Music Monday #3 | Bookmas 2019 Day 16

Qualche settimana fa Youtube continuava a propormi un sacco di video di una certa Qveen Herby. Ammetto di aver ignorato quei suggerimenti per qualche giorno fio a quando, presa dalla curiosità, ho cliccato su un video, intitolato BDE; fu amore a prima vista.

Il brano mi colpì fin dal primo ascolto: la precisione nel rap, la melodia accattivante e il video, coloratissimo e fantastico, mi piacquero tantissimo. Passai così gran parte del pomeriggio a cercare altre canzoni dell’artista americana e scoprendo un mondo nuovo.

Qveen Herby, il cui vero nome è Amy Renee Noonan, inizia la sua carriera musicale con il suo futuro marito nel duo Karmin nel 2010. Dopo sei anni di attività musicale insieme, la coppia decide di cambiare completamente il loro brand: nel 2017 Amy Renee inizia il progetto da solista come Qveen Herby e pubblica il suo primo EP, chiamato EP 1 che contiene cinque brani, tra cui Busta Rhymes e Zombie, uno dei miei brani preferiti.

Lo stesso anno esce anche il secondo EP (chiamato, con molta fantasia, EP 2) che comprende altri 5 brani.

Con un ritmo forsennato per il mondo musicale, Qveen Herby pubblica altri due EP, il 3 e il 4, entrambi da 5 tracce, nel 2018; spiccano tra le varie canzoni, Sade in the ’90s e All these Hoes.

Nello stesso anno, Amy Renee partecia all’incontro The 7%, organizzato per discutere la disparità dei sessi nel mondo della musica e rilascia un’intervista nella quale spiega il suo processo di transizione dal duo Karmin al suo attuale progetto, lo scopo dietro la sua musica e il ruolo delle donne e degli uomini all’interno del mondo della musica.

Il 2019 si apre con il quinto EP che contiene BDE, la mia canzone preferita in assoluto dell’artista, e altri 4 brani. EP 6, che esce con solo qualche mese di distanza dal precedente, contiene il brano Mozart, in collaborazione con Gifted Gab e Blimes, due artiste underground altrettanto interessanti e talentuose.

Pochi mesi dopo viene pubblicato un progetto/mini album/ponte tra EP 6 e EP 7: si tratta di tre canzoni di circa un minuto e mezzo, tutte accompagnate da un video musicale; tra esse, la mia preferita è sicuramente S.O.S.

L’ultimi EP, almeno per ora, è EP 7. Con esso Qveen Herby si stacca in modo definitivo dalla sua vecchia immagine presentata come Karmin anni prima. Per quest’album vengono realizzati due video musicali: uno per Cheap Talk e il secondo per Vitamins, una specie di inno al self care (il ritornello è quasi una lista di cose da fare per essere in forma mentalmente e fisicamente: Been focused on my shit / makin’ moves in silence / workin’ out, sleepin’ in, taking vitamins. Quando Qveen Herby parla, noi prendiamo appunti.)

View this post on Instagram

you guys like CHEAP TALK or nah

A post shared by Qveen Herby (@qveenherby) on

Ciò che più mi affascina di Qveen Herby è la sua capacità di rappare: per quanto possa andare veloce, e vi assicuro che Busta Rhymes potrebbe quasi competere con Rap God di Eminem, si afferrano tutte le parole alla perfezione. Al contrario di molti altri artisti che finiscono con masticare lettere a caso e risultano incomprensibili, Amy Renee è in grado di farsi sentire e capire nonostante la velocità.

Questa sua particolarità, unita allo stile limpido e pulito nelle melodie, che risultano semplici e quasi basilari in confronto al rap ritmato, creano brani accattivanti e fantastici.

Altro particolare importante è la sua bravura nel canto: le sue versioni acustiche di alcuni brani sono bellissime, almeno quanto l’originale, se non di più. Vi lascio il link per alcune delle mie preferite: qui trovate Beautiful e Nintendo.

Qveen Herby non sarà nuova nel panorama musicale, ma continua a creare pezzi fantastici e moderni senza diventare solo un prodotto commerciale. Ci sono persone dietro questo progetto: Amy Renee, il marito Nick e il resto del team rendono miss Herby molto più di una meteora musicale breve ma intensa; il loro duro lavoro sta iniziando a dare i suoi frutti e sono sicura che presto sentiremo parlare molto di lei(/loro).

Why you so thirsty? When will you ever learn?
Rather keep a crown than be your trophy girl
You don’t respect me, so I’ll be quick to swerve
Rather keep a crown than be your trophy girl

These boys, they wanna play games
Keep coming to me with that lame shit
I put followers up, I got names, they
Only love on me ‘cause I’m famous, yeah yeah
Got shades on when there’s no sun
Ripped up jeans with your bad runs
You don’t wanna talk about a feature, right?
Only calling me for the pussy, right?

Potete trovare Qveen Herby su Youtube, Spotify, Instagram e sul suo sito.

Un pensiero riguardo “Qveen Herby – Music Monday #3 | Bookmas 2019 Day 16

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...