Film · Serie e Film

15 ottimi motivi per vedere Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn

Indovinate chi si è innamorata alla follia di Harley Quinn??!? Ammetto di non sapere quasi nulla di lei, se non quello che ho visto in Suicide Squad e in qualche video su YT, ma venerdì sono andata al cinema a vedere Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn e ora voglio comprare ogni singolo fumetto con Harley come protagonista. Visto che per ora però non posso permettermelo, credo proprio che mi limiterò a leggere quello che trovo gratis su internet e a cercare di convincere tutti ad andare a vedere il film, perché sono due ore di puro divertimento, splendidi personaggi che fanno esplodere cose e prendono a calci i cattivi e moltissimo altro. Eccovi quindi 15 motivi per andare al cinema stasera o domani e ammirare Margot Robbie che prende a calci uomini con questionabili gusti in fatto di stile.

1- Margot Robbie è fantastica. La sua Harley Quinn è meravigliosa: riesce a rappresentare la pazzia del personaggio e allo stesso tempo la sua intelligenza senza apparente sforzo. E’ chiaro che l’attrice ha passato moltissimo tempo a studiare tutti i dettagli di Harley, e il risultato è una protagonista con personalità, viva e reale. Si legge sul suo volto tutto ciò che pensa e prova, è un vero libro aperto; la spettatrice vede sullo schermo una persona e le sue emozioni, i suoi pensieri, le paure. In più, rispetto al modo in cui venne rappresentata in Suicide Squad, qui Harley non è solo una bella bambolina sexy, ma un personaggio con lati diversi, alcuni divertenti, altri oscuri. Vediamo tutte le sue sfaccettature e il film supera in fretta lo stereotipo di ex pazza del Joker. Harley è molto di più e qui viene reso chiaro dalla prima all’ultima scena.

2- Harley è bisessuale. Potrei sbagliarmi, ma credo che questo sia il primo film di supereroi/supercattivi nel quale un personaggio viene pubblicamente rappresentato come qualcosa di diverso da eterosessuale. E non potrei esserne più felice.

3- La colonna sonora, cantata solo da donne, spacca. Tra cover di grandi classici e pezzi scritti apposta per il film, Birds of Prey ha la soundtrack perfetta, che si adatta alla pazzia e la forza del film con naturalezza.

4- Black Canary è un personaggio che mi ha colpito molto. Viene accennato un passato complicato e povero, ma quello che vediamo sullo schermo è una donna con una voce splendida che inizia lavorando da Roman Sionis (anche se ci potrebbe essere dietro più di un normale contratto) ma che, ben presto, si rende conto di quello che fa davvero il suo capo. A quel punto la donna deve decidere in fretta cosa fare, se seguire il boss o il suo senso morale. E il risultato di questa scelta è fantastico.

5- Le scene di lotta sono divertenti, coreografate alla perfezione e coloratissime. L’azione nel film è tanta e mai noiosa!

6- Il cast funziona benissimo. I personaggi e le attrici hanno una complicità che rende il film fluido e accattivante per lo spettatore. Le relazioni tra i personaggi sono il punto di forza della storia e il lavoro svolto da tutte le attrici (e Ewan McGregor, non dimentichiamocene) è spettacolare.

7- Renee Montoya, la poliziotta latina, è una forza. Dedicatissima al suo lavoro, non riceve il rispetto che si merita all’interno della polizia ma dimostra fin da subito la durezza necessaria per lottare per ciò in cui crede, anche se questo significa andare contro le regole.

8- Huntress è un’altra donna in grado di badare a se stessa, ma ciò che mi è piaciuto di più è la sua goffaggine nei rapporti con le persone; quando non usa la balestra per uccidere o minacciare qualcuno non sembra sapere come parlare alle persone, ed è una cosa adorabile.

9- Ewan McGregor è un ottimo antagonista: pazzo ed emotivo, sembra essere un esempio tipico di mafioso italo-americano da film hollywoodiano ma con qualcosa in più.

10- Le scenografie sono bellissime. Questo film è un tripudio di colori brillanti, dettagli minuziosamente ricercati e simboli nascosti.

11- Bruce, l’animaletto domestico di Harley.

12- L’umorismo presente nel film è davvero piacevole: si ride alle battute e le scene divertenti, ma la storia non è solo una commedia con qualche scazzottata qua e là.

13- Gli outfit delle protagoniste, specialmente quelli di Harley e Black Canary, sono splendidi.

14- Una delle storyline fondamentali all’interno del film è il rapporto di appoggio e rispetto che si crea tra le cinque protagoniste. E’ una relazione che si sviluppa lentamente durante tutta la pellicola, con alti e bassi, ma che crea una squadra finale veramente tosta e da ammirare.

15- Harley e Joker hanno chiuso. Definitivamente. E la donna deve lottare contro una città intera per dimostrare a se stessa e tutti coloro che la vogliono morta che lei è la vera villain di Gotham, colei che la gente deve temere. Perché ora non è più in una relazione tossica e non dipende più da un pazzo psicopatico che governa la città col terrore. Ma adesso si trova a fronteggiare una battaglia per provare a tutti che la protezione un tempo datagli dal suo status di fidanzata del Joker ora non le serve più. Questa è una battaglia per la sua libertà ed emancipazione, per sbattere in faccia a tutti che lei non è solo un oggettino colorato e sexy da esibire in giro, ma una donna in grado di prendere a calci chiunque le si metta in mezzo alla strada o tenti di usarla con vaghe e vuote promesse di protezione o soldi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...