Serie e Film · Serie TV

Quattro serie TV poliziesche che adoro | CrimeWeek Day 3

1 – Hawaii Five-0

  • Numero stagioni: 10
  • Numero episodi: 240
  • Anni: 2010-2020

H50 è una delle mie serie preferite di tutti i tempi. La trama segue la squadra delle forze speciali Five-0 mentre combattono i crimini più complessi nelle Hawaii e mentre cercano di risolvere problemi legati al loro passato e alla loro famiglia, soprattutto quella del leader, il tenente comandante dei SEAL Steve McGarrett. Assieme a lui, nelle prime stagioni ci sono il detective del New Jersey Danny ‘Danno’ Williams, l’ex tenente Chin Ho Kelly, accusato ingiustamente di appropriazione indebita e la sua cugina Kono Kalakaua che ha appena completato l’accademia di polizia. Con il tempo la squadra si allarga e cambia, arrivano personaggi nuovi e alcuni vecchi se ne vanno.

Punti di forza: il cast è fantastico, anche dopo i cambi della settima stagione. I personaggi sono ben caratterizzati, con backstories estremamente coinvolgenti che si ripresentano ciclicamente per complicare la trama, senza però risultare forzato o noioso. Anche gli antagonisti sono costruiti con molta maestria: sono, almeno in una buona parte dei casi, villains che è impossibile odiare del tutto proprio per il modo in cui vengono presentati.

Punti deboli: il patriottismo forzato. Sono tutti molto fieri di essere americani, bla bla bla, ogni volta che si può ci sbattono in faccia quanto l’America sia figa e via dicendo. Si poteva tranquillamente evitare.

2 – Criminal Minds

  • Numero stagioni: 15
  • Numero episodi: 324
  • Anni: 2005-2020

Se vi piace la psicologia e la criminologia, questa è la serie perfetta per voi. La squadra BAU (Behavioral Analysis Unit) del FBI si occupa di analizzare omicidi/rapimenti/stupri/attacchi commessi in varie parti degli USA per poi creare un profilo psicologico del colpevole e aiutare la polizia a catturarli. Quasi tutti gli episodi parlano di casi diversi e slegati tra loro, ma capita anche di vedere storie spezzate in due parti; anche qui scopriamo il passato dei vari componenti nella squadra attraverso vari casi che li colpiscono personalmente o che riportano a galla vecchie memorie.

Punti di forza: Spencer Reid. Scherzi a parte, oltre ai vari personaggi, l’aspetto più interessante della serie è sicuramente la criminologia: vedere come un profilo viene creato a partire dalle vittime e dalla scena del crimine è un processo che mi affascina moltissimo ogni volta.

Punti deboli: dato il numero di episodi, dopo un po’ c’è il rischio di vedere le stesse storie (o almeno storie molto simili) raccontate con solo qualche differenza. Inoltre la show è molto grafico, se non nelle immagini di sicuro nel raccontare i dettagli dei crimini. Fate attenzione se siete sensibili!

3 – Law & Order – Special Victims Unit

  • Numero stagioni: 21
  • Numero episodi: 478
  • Anni: 1999-in corso

Come dice la famosa tagline della serie, la SVU si occupa di casi che avvengono a New York collegati con la violenza sessuale, il traffico di esseri umani, rapimenti e omicidi di bambini e delitti simili. Fin dal primo episodio è chiaro che i casi saranno sempre molto pesanti e in grado di provocare emozioni forti: dopo l’investigazione infatti, il caso si sposta in tribunale, permettendo allo spettatore di vedere come funziona la giustizia dall’interno. E questo è, almeno per me, la parte più complicata, perché non sempre i casi finiscono con la giustizia che vorremmo vedere, con il risultato che chi sta guardando l’episodio finisce per condividere i sentimenti dei personaggi e si lega ancora di più a loro.

Punti di forza: la sincerità con la quale vengono trattati i delitti. Non viene addolcito nulla, sentiamo i detective parlare delle scene del crimine e dei moventi con tutti i dettagli possibili, e il fatto che la maggior parte dei casi coinvolga come vittime donne e bambini presenta un ritratto della società terribile, soprattutto quando il risultato dei processi è negativo e, purtroppo, riflesso di ciò che accade tutti i giorni nella nostra realtà.

Punti deboli: non è una serie adatta ai più sensibili. I delitti a sfondo sessuale sono orribili e per quanto la serie tratti il tema con tutta la delicatezza possibile pur restando fedeli a ciò che accade nel mondo reale, non tutti gli spettatori sono interessati a storie di questo tipo, com’è comprensibile.

4 – Sherlock (BBC)

  • Numero di stagioni: 4
  • Numero di episodi: 12+1 speciale
  • Anni: 2010-2017

Liberamente basato sulle avventure del detective di Sir Arthur Conan Doyle, la serie vede Sherlock e Watson occupati a risolvere crimini nella Londra moderna. Ogni caso è un vero rompicapo di 90 minuti che tiene col fiato sospeso, sempre pronto a stupire tutti con colpi di scena attentamente studiati e personaggi unici.

Punti di forza: le performance di tutti gli attori, in particolare Cumberbatch e Freeman. Sherlock e Watson sono personaggi che abbiamo visto in centinaia di versioni diverse, in teatro, alla tv o in film, ma credo che questa sia una delle versioni più riuscite e accattivanti. Anche Moriarty, la nemesi di Sherlock, è un personaggio che va ricordato, anche e soprattutto per il modo in cui Andrew Scott rende il personaggio assolutamente indimenticabile.

Punti deboli: la durata degli episodi (un’ora e mezza) può diventare un po’ troppo in certi momenti.

5 pensieri riguardo “Quattro serie TV poliziesche che adoro | CrimeWeek Day 3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...