K Drama · Serie e Film

Oh my Venus! – Recensione Kdrama

  • Numero episodi: 16
  • Durata episodi: 60 minuti
  • Genere: romantico, commedia
  • Anno di produzione: 2015-2016
  • Disponibile su: Viki e Netflix

Trama

Kim Young Ho è l’erede di una ricca famiglia che presto diventerà direttore dell’azienda di proprietà della nonna, ma che negli ultimi anni ha lavorato come personal trainer per vari VIP americani sotto il nome di John Kim tenendo la famiglia all’oscuro. Ma ora John è al centro di uno scandalo e l’uomo decide di tornare in Korea prima che la sua identità venga rivelata al mondo, rischiando di rovinare la sua reputazione.

Kang Joo Eun, da giovane conosciuta come la Venere di Deagu per la sua bellezza, è un’avvocatessa sovrappeso che durante un volo di ritorno dagli Stati Uniti ha problemi respiratori; Kim Young Ho riesce a salvarla, cosa che si ripete nei giorni successivi. Dopo essere stata scaricata dal suo fidanzato, l’ex stella del nuoto Im Woo Shik, la donna scopre per caso l’identità di John Kim e decide di sfruttare il segreto: il misterioso allenatore dovrà aiutarla a rimettersi in forma.

Ma quando si presenterà una minaccia per Kang Joo Eun, la donna si trasferirà da Kim Young Ho, che vive in una splendida villa con il suo protetto Jang Joon Sung, lottatore di MMA, e il manager di quest’ultimo, il giovane Kim Ji Woong. E mentre i tre si allenano e aiutano la donna a perdere peso, Kang Joo Eun e Kim Young Ho iniziano ad avvicinarsi molto più di quanto pensassero fosse possibile. Allo stesso tempo, Im Woo Shik inizia ad uscire con Oh Soo Jin, capo di Kang Joo Eun e sua ex amica, una donna che anni prima era a sua volta obesa ma che ora sembra essere il ritratto della salute.

Commenti

La prima parte della storia si concentra maggiormente sulla trasformazione di Joo Eun grazie al suo duro lavoro, così come le relazioni tra lei e l’ex, i suoi nuovi amici e la sua capa, la donna che le ha rubato il fidanzato; la seconda parte invece sembra più dedicata a Young Ho. Scopriamo così il suo passato, reso dolorosissimo da una grave malattia, ma anche le difficoltà che l’uomo deve affrontare all’interno dell’azienda di famiglia.

Anche la coppia formata da Im Woo Shik e Oh Soo Jin deve superare una serie di problemi, ma la verità è che non mi importa un bel nulla di loro. Stanno bene insieme e si aiutano a maturare tramite il confronto e il dialogo e vediamo come il loro passato gli abbia influenzati nel diventare le persone che sono nel presente, ma nonostante tutto me ne frego abbastanza di quello che devono attraversare. Sarà perché non riesco a perdonare il fatto che la loro coppia sia nata da un tradimento.

Joon Sung e Ji Woong invece sono due personaggi fantastici, sempre pronti ad appoggiare e aiutare Joo Eun, che diventa una specie di sorella maggiore/figura materna, tanto che spesso lei e Young Ho li chiamano ‘i bambini’. Entrambi sono due persone gentili e allegre, disposti ad aiutare chiunque abbiano intorno a loro senza mai perdere il sorriso.

Tutto sommato, la storia è relativamente semplice ma comunque molto intrigante, con tante scene emozionanti e momenti divertenti. Non sono un’esperta, ma anche la recitazione mi ha colpita molto, si riescono davvero a percepire le emozioni dei vari personaggi, siano essi nel bel mezzo di attacchi di rabbia, spaventati, felici, innamorati o in preda al dolore, tanti fisico quanto emotivo.

Il finale – SPOILER

La scena finale mi ha lasciata un po’ perplessa. In essa vediamo Joo Eun che va a prendere Young Ho all’aeroporto e le annuncia di essere incinta di due gemelli. Fin qui tutto bene, ma la donna ha messo su altri 20 kg, dal nulla, in qualche settimana. E’ una scelta che non mi piace, perché sembra comunicare come i cambiamenti avvenuti negli ultimi mesi siano stati del tutto inutili: appena Joo Eun ha la scusa per ricominciare a mangiare, lo fa senza problemi. E’ una decisione assurda e totalmente out of character, messa lì solo per stupire e far ridere gli spettatori. Se ignoriamo questo particolare, il resto della storia è super!

4 pensieri riguardo “Oh my Venus! – Recensione Kdrama

  1. “Kim Young Ho è l’erede di una ricca famiglia che presto diventerà direttore dell’azienda di proprietà della nonna, ma che negli ultimi anni ha lavorato come personal trainer per vari VIP americani sotto il nome di John Kim tenendo la famiglia all’oscuro.” Ho come il sospetto che ci sia una leggerissima scopiazzatura da Il principe cerca moglie. 🙂

    Piace a 1 persona

    1. Tu dici? Il suo lavoro segreto in America ha una parte molto piccola nella storia quindi non l’ho trovato così simile, soprattutto perché nel film Eddy Murphy va negli USA proprio per cercare una moglie, qui invece lui torna in Korea per evitare problemi…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...