Bookmas 2020 · LBTGQ+ · Libri

24 Libri LGBTQ+ che voglio leggere nel 2021 🏳️‍🌈 | Bookmas 2020 Day 04

L’ho già dichiarato varie volte, uno degli obbiettivi che mi sono posta a lungo termine è quello di leggere più romanzi LGBTQ+, meglio ancora se da autrici/autori che fanno parte della comunità queer. In questi mesi ho quindi raccolto una serie di titoli molto interessanti che ho intenzione di leggere durante il 2021, sperando di riuscire a mantenere i miei propositi e leggerli tutti.

Se avete letto un romanzo o biografia che ritenete fondamentale e che non ho nominato, fatemelo sapere, sono sempre aperta a nuovi consigli!

  1. La camera di Giovanni, James Baldwin. Baldwin viene raccomandato in continuazione a chiunque cerchi libri sulla comunità queer, quindi non posso non leggere qualcosa di suo.
  2. Il pozzo della solitudine, Radcliffe Hall. Secondo la saggia Wikipedia, Il pozzo della solitudine è il primo romanzo dichiaratamente lesbico della storia. Ed è stato pubblicato nel 1928, particolare che mi incuriosisce davvero moltissimo: voglio proprio vedere come la tematica dell’amore tra donne veniva trattato allora, anche se sospetto che la risposta sia “di merda”.
  3. Frammenti d’amore, Saffo. Non posso non includere almeno una raccolta di poesie di Sua Maestà La Lesbica Originale, Prima E Fondatrice Del Suo Nome, sebbene stando a internet Saffo ebbe relazioni sia con uomini che con donne. Dopotutto, la cultura greca e la sua fluidità sessuale sono state (e spesso sono ancora) un mistero non del tutto chiarito e compreso. Ma questi sono solo dettagli.
  4. Città di notte, John Rechy. Ammetto di aver scelto questo libro solo per la copertina, ma in genere non mi sbaglio a giudicare, quindi…
  5. When Katie Met Cassidy, Camille Perri. Ogni tanto anche io voglio una storia d’amore veloce, divertente e forse un po’ cliché.
  6. Morte a Venezia, Thomas Mann. Tonio Kröger mi piacque molto, anni e anni fa, ma resta per ora l’unica opera di Mann che abbia mai letto. Così invece posso recuperare un classico della letteratura in generale e un autore che apprezzai in un colpo solo.
  7. Confessioni di una maschera, Yukio Mishima. Dopo aver ascoltato la vita assurda e incredibile di Mishima su Bistory, non posso non leggere le sue opere, partendo da una delle più conosciute. Vi farò poi sapere se è all’altezza delle mie (molto alte) aspettative!
  8. Under the Udala Trees, Chinelo Okparanta. Questo libro parla, da quello che ho capito, di una giovane donna nigeriana che scopre se stessa e la propria omosessualità mentre il suo paese è attraversato da lotte interne e la guerra civile. Pesante, ma a quanto pare bellissimo.
  9. La giungla di fruttirubini, Rita Mae Brown. Scritto da una attivista femminista, questo romanzo mi interessa perché segue la vita di una giovane donna americana che, per vivere come vuole, deve scontrarsi con le “regole sociali” degli Stati del Sud.
  10. La città degli incontri proibiti, Carolina de Roberts. Tango + immigrata italiana a Buenos Aires + vestirsi e comportarsi come un uomo per sopravvivere = una Alix molto intrigata
  11. I racconti di San Francisco, Armistead Maupin. Frisco negli anni 70, tra droghe e sesso libero. Devo davvero dire altro?
  12. La linea della bellezza, Alan Hollinghurst. Da quello che ho letto della trama, mi ricorda vagamente l’ambientazione decadente e contraddittoria di Dorian Gray, quindi non posso perdermelo.
  13. Zami: A New Spelling of My Name, Audre Lorde. Autobiografia dell’autrice, donna nera e lesbica negli Usa degli anni 50, che promette una bella riflessione sulla condizione razziale e sociale del suo paese.
  14. La statua di sale, Gore Vidal. Se I giornali di un intero paese si rifiutano di pubblicizzare o recensire un libro solo perché esplicitamente gay, potete giurare che lo leggerò appena possibile.
  15. Red, white and royal blue, Casey McQuiston. Kat di paperbackdreams l’ha adorato, quindi come faccio a non leggerlo??
  16. This is how you lose the time war, Amal el-Mohtar & Max Gladstone. Ragione simile alla precedente, ma questa volta la colpa è di Cindy di readwithcindy.
  17. Un uomo solo, Christopher Isherwood. In questo articolo di qualche mese fa, Cris de La Tana dei Libri mi ha consigliato questo romanzo, e ora è il momento perfetto per cercarlo e leggerlo!
  18. Aimée e Jaguar, Erica Fisher. Storia vera di due donne (una madre tedesca e una ebrea) che si conobbero nella Germania della Seconda Guerra Mondiale e si innamorano, nonostante le differenze e il caos che permeava il resto del mondo. Piangerò come una bambina, lo so già.
  19. La ragazza dello Sputnik, Haruki Murakami. Questo è uno dei miei autori preferiti e volevo già leggere tutti i suoi libri, ma ora che so che parla anche di una relazione LGBTQ+ sono davvero curiosissima.
  20. Aristotele e Dante scoprono i segreti dell’universo, Benjamin Alire Sáenz. Qualche tempo fa, questo era uno dei romanzi più letti e discussi su Bookstagram/Booktube, e ora tocca a me!!
  21. More happy than not, Adam Silvera. In parte romanzo di crescita e in parte sci-fi, More happy than not mi interessa proprio per la trama che sembra promettere grandi riflessioni e una struggente ricerca di sé stessi attraverso gli adolescenti protagonisti.
  22. Altre voci, altre stanze, Truman Capote. Capote mi incuriosisce molto, come autore. Per ora di suo ho letto solo Colazione da Tiffany, ma Altre voci, altre stanze e A sangue freddo sono due titoli che da molto tempo voglio affrontare.
  23. Little fish, Casey Plett. Questo libro ha per protagonista una donna transgender che scopre una serie di lettere di suo nonno che sembrano indicare che anche lui lo fosse. Non so voi, ma a me incuriosisce molto come idea!
  24. Il mare senza stelle, Erin Morgenstern. Altro mega successo su internet, sebbene con review o molto positive, o molto negative. Devo dire che la trama mi intriga, quindi vi farò sapere cosa ne penso nei prossimi mesi!

9 pensieri riguardo “24 Libri LGBTQ+ che voglio leggere nel 2021 🏳️‍🌈 | Bookmas 2020 Day 04

    1. Della Winterson ho letto Il sesso delle ciliegie, che adoro, e Non ci sono solo le arance, che mi è piaciuto meno. Prima o poi leggerò anche gli altri!!! Stone butch blues non lo conosco ma me lo segno!! Grazie dei consigli ♥️♥️

      "Mi piace"

  1. Ovviamente ho confuso la Winterson (sto leggendo “The Passion” e “Il cancello del crepuscolo”) con Sarah Waters (già letto tutto… è lei che fa i finali che sono un’istigazione all’omicidio).
    Magari l’hai già letto… ma se invece no: “Memorie di Adriano” di Marguerite Yourcenar.
    (nel mentre, spulcio il tuo elenco di libri alla ricerca di altre storie… molti titoli che non conosco e ciò è bene).

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...