Libri · Recensioni

Piranesi è un’incubo dentro un sogno (circondato da statue) – Recensione

Ding ding ding!!! Abbiamo un altro libro preferito! Ho comprato Piranesi mentre ero ad Arma di Taggia e l’ho letto solo qualche giorno dopo, attratta dalla trama, la copertina e in generale le sue vibes oniriche e fantastiche.

Trama

Piranesi vive dentro la Casa, un’enorme successione di Stanze gigantesche piene di Statue, con alcuni Saloni distrutti dalle Maree, altri con Muri crollati e pieni di Nuvole e Uccelli, con Scalinate che rincorrono Corridoi e Vestiboli. Oltre a lui, nella Casa ci sono solo alcuni Animali, tredici Scheletri e, due volte a settimana, l’Altro, uno scienziato alla ricerca della grande conoscenza.

La vita di Piranesi è scandita dallo studio delle Maree, gli incontri con l’Altro e il lunghissimo compito autoimposto di catalogare tutte le Statue presenti. Ma questa vita semplice e perfetta viene bruscamente interrotta da una strana minaccia: l’Altro sostiene che qualcuno di malefico si stia intrufolando nel Mondo per distruggere il loro equilibrio. Spaventato dalla possibilità di perdere l’unica vita che conosce, Piranesi inizia a scavare nei suoi diari, nei suoi ricordi e nei Meandri della Casa per capire meglio cosa stia davvero succedendo.

Ma nulla sembra più aver senso quando si rende conto che c’è qualcosa di strano nei suoi diari, qualcosa che non corrisponde a tutto ciò che Piranesi credeva di conoscere…

Commenti

Il mondo che la Clarke crea è spettacolare. Con poche pennellate ci si immagina subito i Saloni immensi della Casa, le sue Statue enormi e infinite, le Maree che coprono alcune Stanze e gli Uccelli che vivono nelle altre. La vita di Piranesi è semplice e forse un po’ monotona (se dovessimo viverla giorno per giorno intendo, non al momento di leggerla), ma la passione e la gratitudine che prova nei confronti del suo Mondo sono palpabili e chiarissime anche attraverso la carta.

Ci si ritrova immersi in un luogo unico e spettacolare dal quale è impossibile uscirne, anche a giorni o settimane di distanza. La magia che permea la Casa è delicata e onirica e resta dentro chi legge il romanzo come un eco leggero, unita indissolubilmente al ricordo dell’intero romanzo.

La storia mi è sembrata incredibile, e non solo perché estremamente originale. Anche il modo in cui viene sviluppata è perfetto. Le prime 70 pagine circa sono dedicate a delineare la base del libro, quindi conosciamo a fondo sia Piranesi e le sue abitudini sia l’Altro, le Tredici Persone e le Stanze stesse della Casa. Tra l’altro, se metto maiuscole apparentemente a caso è perché nel romanzo tutto ciò che ha a che vedere con la Casa è in maiuscolo.

Dopo le prime pagine, la storia entra nel vivo, e i capitoli successivi sono intricati e introspettivi al tempo stesso, analizzando le emozioni di Piranesi e tutto ciò che lui vive attraverso i suoi stessi occhi, dato che il libro è narrato sotto forma di diario. Verdiamo quindi come il protagonista riscopre se stesso e svela segreti incredibili pian piano, senza mai dimenticare dove si trovi o quali pericoli possa dover affrontare se non si concentra anche sulla Casa e le sue “regole” non scritte.

Piranesi è un’opera incredibile. Pagina dopo pagina, mi è sembrato che Susanna Clarke stesse descrivendo uno di quei sogni assurdi e spettacolari che faccio ogni tanto, eppure non ho mai visto la Casa prima di aver letto questo romanzo. E’ come se fosse riuscita a vedere dentro la mia testa la natura dei miei sogni per poi crearne uno completamente nuovo eppure familiare in qualche modo strano e inconcepibile.

Se per qualche motivo steste pianificando di leggere solo un libro da qui alla fine dell’anno, scegliete Piranesi. Non ve ne pentirete.

PS: quando parlo di Piranesi come un incubo mi riferisco a certi dettagli che vengono svelati alla fine, di cui ovviamente non vi parlerò. Voglio solo che sappiate che non è un giudizio negativo nei confronti della storia, anzi, è l’esatto opposto.

2 pensieri riguardo “Piranesi è un’incubo dentro un sogno (circondato da statue) – Recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...