Bookmas 2021 · LBTGQ+ · Libri · Recensioni

Immacolata intercessione mi ha positivamente sconvolta – Recensione LGBTQ+ 🏳️‍🌈 | Bookmas 2021 Day 5

Qualche settimana fa sono stata contattata da un rappresentante de Il ramo e la foglie Edizioni, una casa editrice indipendente romana, che mi proponeva una collaborazione: se interessata, mi avrebbero spedito una copia de Immacolata intercessione di Carlo Kik Ditto. Ho accettato subito, intrigata dai pochi dettagli del libro che avevo catturato leggendo un’intervista dell’autore sul sito della casa, che vi lascio linkata qua. E sono davvero contenta di averlo fatto, perché così ho scoperto un libro unico e geniale.

Trama

A Chigago, nel 1988, due persone molto particolari vivono insieme. Si tratta di Unicorn, stella del porno gay e fervente cristiano, e Shebop, drag queen transessuale che idolatra Cyndi Lauper. I due sono migliori amici e vivono la loro vita con tranquillità, dedicandosi ai lavori che hanno scelto con passione. Ma la loro quiete quotidiana cambia radicalmente un giorno come tutti gli altri, grazie a Mary, una nuova cliente del negozio da parrucchiera di Shebop, e una serie di desideri fino ad allora inconfessati.

Commenti

Piccola premessa: se siete lettori particolarmente puritani o facili da scandalizzare, Immacolata intercessione non fa per voi. Perché il lavoro di Unicorn, che lui tanto ama, è descritto nei dettagli. E quando parlo di dettagli, voglio dire descrizioni di orge e di set porno molto… usati, nonché di come ci si sente dopo essere stati scopati per x ore da xxx uomini. Lettore avvisato, lettore salvato (da cosa poi, vallo a capire, ma di gente “””””””sensibile””””””” il mondo ne è pieno): se mia mamma riesce a leggerlo senza restarne sconvolta, non so che scuse possiate inventarvi.

Detto ciò, dilunghiamoci su Unicorn un attimo, già che ci siamo. Unicorn è un personaggio al tempo stesso complesso ma lineare e con una moralità chiara e ben delineata. Unicorn considera se stesso e il suo lavoro come lo scopo (ah!) che Dio gli ha dato nella vita e non se ne vergogna, né lo rende il centro della sua personalità, anzi. Svolge il suo lavoro con precisione e orgoglio, felice di poter aiutare i suoi ammiratori con i suoi film. Allo stesso tempo, in modo che molti considererebbero incongruente o assurdo, Unicorn è un cristiano fervente, che ama Dio e che vive secondo le sue leggi, confessandosi e pregando quanto e forse più di ogni altro frequentatore di chiesa. Unicorn ha chiaro cosa è giusto e cosa è sbagliato e sebbene lui stesso ammetta di non capire sempre la Chiesa, la sua fede e una delle cose più importanti di lui. E da atea devo dire che non è stato un peso leggere della sua fede, anzi: l’amore incondizionato che prova verso Dio è puro e secondo me quello che ogni cristiano dovrebbe provare, scevro di giudizio e che mette l’amore per il prossimo e se stessi al di sopra di ogni cosa. Il fatto che Unicorn sia gay e un pornodivo non è per lui incongruente con la sua fede, ma solo un dato di fatto, solo una delle tante sfaccettature che, come la sua fede, lo rendono un uomo complesso.

Shebop è altrettanto unica e particolare, sia per la sua storia di donna transessuale che per la sua personalità che traspare dalle pagine con una forza non indifferente. Shebop vive la sua vita con una passione davvero toccante, felice di aver superato gli scogli che il passato le ha messo davanti in modo da poter conquistare il presente e il futuro che sa di meritarsi. Da sempre appassionatissima di Cyndi Lauper e la sua musica, la donna si è battezzata come una delle canzoni della sua idola (sulla masturbazione femminile, tra l’altro) in una mossa al momento spontanea ma che sottolinea una forza vitale e indipendenza non indifferente.

Il rapporto tra i due è platonico ma profondo e pieno di amore come potrebbe esserlo quello di ogni altra coppia. Unicorn e Shebop si capiscono, si conoscono e si accettano per quello che sono, difetti e pregi assieme. E la forza del loro legame è davvero incredibile e affascinante da leggere, perché è qualcosa che probabilmente la maggior parte di noi sogna di vivere giorno per giorno. Senza fare spoiler sul colpo di scena che cambia il corso della storia e il suo sviluppo, lasciate che vi dica una cosa: anche quando pensate di aver capito in che direzione la trama sta andando, non riuscirete mai a prevedere tutto quello che succede in questo romanzo. Ed è uno dei particolari che più ho preferito, perché, proprio quando ero convinta di sapere come sarebbero andate le cose, la lettura ha preso una piega inaspettata che ha cambiato tutto e che ho apprezzato davvero tanto.

Vorrei poter dire che la trama o i personaggi sono il vero punto di forza del romanzo, ma la verità è che Immacolata intercessione è un connubio perfetto tra i due aspetti, entrambi unici e affascinanti. Quindi fatevi un favore e leggetelo, anche se il porno gay non fa per voi: non c’è bisogno di sborrare sopra un libro per apprezzarlo e vi prometto che vi piacerà moltissimo, anche se gli unici maschi che vi interessano sono i calciatori della vostra squadra o i personaggi di un videogioco e li adorate in modo strettamente platonico e strategico.

6 pensieri riguardo “Immacolata intercessione mi ha positivamente sconvolta – Recensione LGBTQ+ 🏳️‍🌈 | Bookmas 2021 Day 5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...