Libri · Monthly Wrap-Up

Di Corvi e Witcher – Letture di Febbraio e Marzo 2022

A febbraio ho letto pochissimo (solo due libri), mentre a marzo sono riuscita a recuperare un pochino. In totale, in due mesi, ho letto 13 libri, alcuni bellissimi e altri orribili. Ma andiamo in ordine e partiamo dal primo che ho finito a febbraio, ovvero La mafia nello zaino.

Febbraio

16 – La mafia nello zaino (libro speditomi dalla casa editrice Il ramo e la foglia edizioni): il picciriddu protagonista si ritrova coinvolto, durante una caldissima estate siciliana, in una serie di omicidi commessi dalla mafia. Curioso e determinato a scoprire cosa sia la mafia e perché uccida, il giovane protagonista inizia a capire cosa significhi essere siciliani e adulti. Preparate i fazzoletti, perché questo romanzo è profondamente commovente e bellissimo, e decisamente uno dei migliori letti quest’anno.

17 – L’ultimo cavaliere: Roland insegue da anni l’uomo nero, personificazione del male e forza che cambiò la sua vita quand’era un bambino, senza mai raggiungerlo, fino a quando all’improvviso qualcosa sembra cambiare, e il pistolero si avvicina sempre di più alla sua nemesi. Ma la strada è piena di trappole, nonché solo l’inizio della storia. Questo romanzo mi ha positivamente colpita, dato che il mio rapporto con King è traballante, e sono molto felice di aver iniziato questa serie, perché credo possa piacermi davvero molto.

Marzo

18 – L’occhio del mondo: Tre ragazzi di un paesino sperduto si trovano all’improvviso al centro di una battaglia tra gli abitanti del villaggio e i misteriosi e mostruosi Trollocs. Il paesino si salva solo grazie alla presenza di Moiraine Sedai e il suo Custode, che usano le loro abilità per salvarli. Costretti a scappare per salvarsi, i tre presto capiranno di avere un’enorme importanza per il futuro del mondo e la guerra contro il Signore delle Menzogne. Quelle che seguono sono avventure di ogni genere per raggiungere la salvezza, ma anche l’inizio di una saga fantasy lunghissima e che promette davvero bene (ma che al momento non ho molta voglia di continuare: i libri sono enormi… Magari tra un po’).

19 – Le dame di Grace Adieu: Serie di racconti su streghe e fate nella campagna inglese. Non malaccio, ma sinceramente dall’autrice di Piranesi mi aspettavo di più.

20 – Il guardiano degli innocenti (re-read): Potrei avere una cotta enorme per Geralt (shhhhhhhhh non diteglielo!!!!), e dopo aver visto la serie su Netflix in due giorni ho deciso di leggere tutti i libri, perché mi va. Preparatevi, perché ne parlerò a lungo nei prossimi tempi.

21 – Afterburn + 22 – Aftershock: Disastroooooooooooo. In teoria è un romanzo erotico/romantico, in realtà è una cagata pazzesca con la protagonista che sbava sui fratelli fin troppo per i gusti di tutti tranne Cersei e Jaime (forse) Lannister.

23 – Sì mio duca: Non malaccio per un Harmony. Lei (ho rimosso il nome) è innamorata di un nobile e cerca di sedurlo, ma sbaglia stanza e finisce a letto col fratello di lui. Prima di fare nulla i due se ne accorgono e decidono di stringere un patto: lui l’aiuta a sedurre il fratello e lei lo aiuta a trovare una moglie adatta al ducato. Le cose non vanno come previsto, ovviamente, ma alla fine si sistema tutto. La storia è ben scritta e i due protagonisti non sono completi idioti, quindi tutto sommato direi che è una vittoria per gli Harmony.

24 – Le strade del male: Quest’anno volevo provare a leggere qualche horror, così ho preso Le strade del male, pensando di aver trovato quello che cercavo. Mi sbagliavo, considerando che lo classificherei più come thriller che horror, ma il libro mi è piaciuto abbastanza. Parla di una serie di personaggi legati tra loro dal caso e forse il destino, tutti violenti assassini (alcuni per difesa personale, altri per disperazione, vendetta o semplice voglia di uccidere). La storia è molto scorrevole e intrigante, ma non fa paura come speravo.

25 – La casa degli specchi: In un mondo in cui i bambini inutili per la società vengono ammazzati a otto anni, il diabolico criminale noto come il Corvo spadroneggia nei bassifondi nonostante la squadra speciale sulle sue tracce, strettamente legata al presidente della città. Nulla di ciò che la polizia fa sembra avere successo, ma allo stesso tempo nulla è ciò che sembra: chi è davvero il Corvo? Possibile che le sue mosse nascondano qualcosa di molto più grande di un semplice impero criminale? Questo libro è uno dei miei preferiti di sempre. L’avevo letto anni fa come una fanfic, ma ora che è stato modificato e pubblicato come romanzo l’ho divorato appena sono riuscita a metterci le mani sopra ed è ancora spettacolare e magistralmente scritto e strutturato, esattamente come allora. Consigliato a chiunque ami le distopie o sia alla ricerca di un romanzo queer unico.

26 – Il ladro: Gen è un ladro abilissimo che, per via delle sue spacconerie, si trova in galera. Costretto dal magus del re a cercare una reliquia leggendaria, Gen ha il potere di cambiare la politica del mondo, se solo riesce a trovare e rubare sul serio la pietra mitologica prima di morire affogata o di cadere nelle mani dell’esercito sbagliato. Devo ammettere che questo libro mi ha un po’ delusa. I personaggi sono piatti e non crescono molto durante la storia (l’unico interessante muore), ci sono delle incongruenze storiche e il più palese (e letterale) deus ex machina che abbia mai letto. Inutile a dirsi, non credo proprio che continuerò con questa serie.

27 – L’ultima notte della nostra vita: Lacrime dall’inizio alla fine. Death-Cast riesce a prevedere la morte di ogni essere umano e li avvisa l’ultimo giorno della loro vita in modo che essi possano vivere il loro ultimo giorno nel modo che preferiscono. Mateo e Rufus, due ragazzi con vite diversissime, ricevono la chiamato la stessa notte, e grazie all’app Ultimo Amico si incontrano per caso, decidendo di passare insieme le loro ore finali. La storia mi è piaciuta moltissimo, è spettacolare e ci ricorda di vivere ogni giorno al massimo. Se scegliete di leggerlo, ricordatevi però una cosa: il titolo originale è They both die at the end.

28 – Memorie di un’avventuriera: Aphra Behn è stata la prima drammaturga inglese in grado di guadagnarsi da vivere scrivendo e basta. Ma la sua vita fu anche spionaggio, amore, accuse di libertinaggio, viaggi e voglia di libertà. In questa biografia romanzata, Emanuela Monti ci presenta un personaggio unico in modo scorrevole e fantastico, facendoci appassionare a una donna incredibile.

E con questo per ora è tutto! Al momento sto leggendo Sword of Destiny, ovvero il secondo libro della saga di The Witcher. Qualche giorno fa ho trovato la saga intera in inglese a 75€ su Amazon e l’ho presa subito: se avessi voluto continuare con l’edizione italiana mi sarebbe costata quasi 50€ in più. Buona domenica people!

2 pensieri riguardo “Di Corvi e Witcher – Letture di Febbraio e Marzo 2022

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...